Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-03935

Atto n. 4-03935
Pubblicato il 12 maggio 2015, nella seduta n. 447
BUCCARELLA , AIROLA , DONNO , CAPPELLETTI , NUGNES , COTTI , PAGLINI , SANTANGELO , PUGLIA - Al Ministro della salute. -
Premesso che:
i pazienti colpiti da infarto acuto del miocardio ST-elevated, affinché sia loro garantita la prognosi migliore, quoad vitam et quoad valetudinem, qualora eleggibili, andrebbero idealmente indirizzati entro 90 minuti ad un laboratorio di emodinamica per essere sottoposti ad angioplastica. Tale pratica, suggerita da oltre un decennio dalle linee guida internazionali di riferimento, rappresenta un indicatore di efficienza di un sistema sanitario;

Leggi tutto...

Fronte comune sindacati anti-sciopero, no a convenzione senza risorse

Fronte comune dei sindacati di medicina generale 'anti-sciopero', che criticano la protesta indetta dalla Fimmg, e dicono no alla firma di una nuova convenzione a risorse zero.
Si è appena concluso l'incontro delle sigle sindacali - Cgil medici; Cisl; Intesa sindacale; Simet; Smi; Snami; Uil Fpl - decise a mettere insieme le energie per contrastare la posizione del sindacato maggioritario sulle trattative per la nuova convenzione.
In un documento, firmato nel corso della riunione, le associazioni di categoria hanno messo nero su bianco gli obiettivi della battaglia comune "per la difesa di un sistema sanitario nazionale che resti pubblico, equo, accessibile e universale".
Pertanto lo SNAMI non aderisce allo sciopero ed i propri iscritti espleteranno regolarmente la propria attività assistenziale salvo che non ci sia, da parte del singolo, la volontà di scioperare da comunicare formalmente e tempestivamente alla ASL ed al Distretto, oltre che ai propri assistiti.
Per quanto detto, nessuna specifica ritenuta dalle competenze mensili deve essere effettuata agli iscritti SNAMI da parte della ASL.
SNAMI Puglia
Il Presidente
Dr. Antonio Chiodo

Aggiornamento Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

L’approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell’impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato tra le Regioni, anche in considerazione delle esperienze nazionali ed internazionali in atto, una profonda riflessione sulla necessità di rivedere e riorganizzare il modello assistenziale del Servizio Sanitario Nazionale, nella parte che riguarda l’assistenza territoriale.

Leggi l'atto

Convegno "Riappropriazione della professione medica"

Questa iniziativa è finalizzata a porre in evidenza la salvaguardia dei singoli compiti professionali, aborrendo il ruolo unico che rischia di prevaricare le nostre esigenze, le necessità dei Medici e quelle dei cittadini. Ma il rischio maggiore è di depersonalizzare il rapporto con il paziente, nonché di distruggere la qualità del Servizio Sanitario Nazionale il quale, finora, con mille pecche, è riuscito a soddisfare comunque le esigenze.

Lettera di presentazione

Programma

L'indennità informatica

Ai medici individuati dalla Regione, entro la percentuale massima del 20% degli iscritti, sentito il Comitato Consultivo Regionale ex art. 12, il cui studio professionale sia dotato di apparecchiature e programmi informatici idonei ad assicurare, oltre alla gestione della scheda sanitaria individuale, anche l'eventuale collegamento con il centro medico di prenotazione e l'elaborazione dei dati occorrenti per ricerche epidemiologiche, il monitoraggio dell'andamento prescrittivo e la verifica di qualità dell'assistenza e' corrisposta un'indennità forfettaria mensile di lire 100.000, incrementata di un corrispettivo definito sulla base degli accordi regionali di cui al Capo VI, in caso di attivazione delle suddette procedure o di quant'altro sia concordato.

Approfondisci

Lettera aperta al Commissario Straordinario della ASL di Lecce dr. G. Gorgoni

Le problematiche che vive la Medicina del Territorio (e non solo del Territorio!), vale a dire gli operatori sanitari che sono in prima fila nel far fronte alle esigenze della popolazione assistibile, non sono sicuramente quelle della “razionalizzazione della spesa
farmaceutica” ma quelle di essere dotati di strumenti organizzativi e logistici adeguati alla crescente e sempre più qualificata domanda di salute.

Leggi tutta la lettera

Ricetta elettronica ancora lontana, solo 5 Regioni a regime

Solo Sicilia, Valle d'Aosta, Trentino, Basilicata e Veneto stanno raggiungendo l'obiettivo. Fra gli ostacoli problemi di connessione e di gestione del software

Ricetta elettronica ancora lontana, solo 5 Regioni a regime 

ROMA. Procede a passo lento il cammino della ricetta elettronica in Italia. Solo cinque regioni (Sicilia, Valle d'Aosta, Trentino, Basilicata e Veneto) sono a regime e stanno raggiungendo l'obiettivo di emettere l'80% delle ricette mediche dematerializzate entro il 2014, come previsto dall'agenda digitale del governo Monti. Altre regioni sono invece in fase di sperimentazione. Tra queste: Molise, Campania, Liguria, Piemonte, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna, Puglia, Marche. Le altre sono invece ancora in una fase di studio e preparazione per realizzare l'obiettivo.

Leggi tutto...

Prenotazioni presso gli studi di Assistenza Primaria

Di recente il “Quotidiano di Lecce” ha diffuso la notizia in base alla quale dal primo di ottobre presso gli studi in oggetto saranno (!) effettuate le prenotazioni per le prestazioni specialistiche e/o diagnostiche.
La popolazione assistibile ha chiesto conferma ai medici i quali non potevano che manifestare stupore e disappunto.

Leggi tutto...

INAPPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

Non necessariamente il mancato raggiungimento di un obiettivo di spesa deve essere associato alla violazione delle norme del Codice deontologico o di quelle dell’ACN. Più precisamente,

Approfondisci

ATTIVITA’ DELLE SEZIONI PROVINCIALI

Sezione SNAMI di Bari
Sezione SNAMI di Brindisi
Sezione SNAMI di BAT
Sezione SNAMI di Foggia
Sezione SNAMI di Lecce
Sezione SNAMI di Taranto

Corriere Medico

Modulo d'iscrizione

Scarica il modulo d'iscrizione, compilalo e consegnalo agli sportelli preposti.

Agenda Snami Puglia